Comayagua & The Dancing Bells

12-13/09/2013

Terza tappa hondureña é Comayagua, antica capitale e importante centro religioso-politico. Conosciuta e visitata per il suo patrimonio culturale e monumentale, il suo passato coloniale é scritto tra le pareti delle sue chiese, piazze, musei e dell’imponente cattedrale. Arrivati presto in cittá dopo un breve viaggio in autobus (180 L a persona, circa €7), facciamo un giro per le strade del centro, visitiamo il centro d’accoglienza turistica, sede di un’esposizione dedicata ai numerosi riconoscimenti ottenuti dalla cittá in ambito culturale, e il patio interno del palazzo municipale, un atrio curatissimo con verdi aiuole, una fontana e dei coloratissimi murales per alleggerire l’aria seria e austera del luogo.

DSC05199  DSC05207 DSC05205 DSC05198 DSC05211 DSC05210

Andiamo a visitare la cattedrale spinti dalla curiositá di salire sul campanile per dare un’occhiata a quello che é ritenuto l’orologio piú antico di tutta America. Costruito dai mori durante la loro occupazione in Spagna nel 1100, fu donato dal re Felipe III (con l’intento di cancellare ogni impronta della conquista) alla cittá hondureña e trasferito dall’Alhambra (Seviglia) alla cattedrale di Comayagua. Saliamo sul campanile e godendo della vista dall’alto della torre ci soffermiamo a osservare l’antico marchingegno che ogni giorno, ogni 15 minuti, fa sentire la sua voce metallica dando vita alle campane che segnano lo scorrere del tempo.

DSC05181 DSC05195 DSC05224 DSC05226 DSC05240 DSC05222

Sono quasi le 16:30 e il guardiano del campanile ci avvisa che stanno per suonare le campane che invitano i fedeli alla messa delle 17:00. Decidiamo perció di rimanere per assistere al movimento degli ingranaggi dell’orologio e all’attivazione delle campane. Allo scoccare della mezz’ora il dispositico si mette in movimento e la campana che scandisce i minuti esegue il suo lavoro in perfetto sincronismo. Il custode si inserisce allora degli auricolari e sollevando le corde collegate alle campane, se ne lega  una in vita e con le mani afferra le altre due per un totale di quattro campane. Inizia cosí una danza incalzante su un ritmo sfrenato, oserei quasi dire techno-goa trance… tutto un movimento di bacino e un ondeggiare di fianchi in pieno stile macho latino. Ben differente dalle piú familiari sonoritá religiose a cui siamo abituati in queste occasioni, assistiamo cosí ad una festa di suoni e tintennii assordanti che non dimenticheremo facilemente. Uno spettacolo inedito ed esilarante.

DSC05256 DSC05258

Se vi va di farvi due risate, ecco a voi il video: Bells Player in Honduras

Dopo esserci complimentati con il campanaro, andiamo a cenare quasi completamente sordi per l’eco rimbobante e fragoroso del batacchio di ferro. Usciamo dal ristorante ed é giá notte. Dopo le 18:00, quando inizia a calare l’oscuritá, la cittá cambia totalmente volto. L’atmosfera é un pó piú tesa e mentre facciamo ritorno all’albergo notiamo all’angolo della strada un gruppo di persone illuminate da una luce intensissima e rossastra. Stanno bruciando spazzatura in giganti bidoni di metallo. Due uomini con qualche birra di troppo ci scambiano per gringos e ci chiamano: “Americani!!!” cercando di attirare la nostra attenzione e probabilmente chiederci dei soldi. É meglio ritornare in hotel (Hotel Honduras 2, niente di speciale peró economico e centrico) in attesa della luce del giorno.

Delle prossime 48 ore non c’é tanto da raccontare. É ora di lasciare Honduras per entrare in Nicaragua. Sostiamo in Danlí dove ci fermiamo ad osservare divertiti una “banda de marcha” che sfila allegra per  le vie del paese

DSC05275 DSC05280 DSC05281 DSC05284 (passiamo la notte nel Gran Hotel La Esperanza, carino e pulito, anche se di grande ha solo le dimensioni) e il giorno dopo con un cambio a El Paraíso attraversiamo piuttosto sollevati la frontiera nicaragüense a Las Manos. Un altro mito sfatato. Viaggiare in Honduras é fattibile, non é poi cosí male. Bisogna solo fare un pó di attenzione. Un consiglio?? Non girovagare troppo per strada la notte, con il buio tutto cambia. Di giorno, l’unica cosa che si nota é lo sguardo curioso della gente del luogo poco abituata agli stranieri.

Advertisements
Categories: Honduras | Tags: , , | 2 Comments

Post navigation

2 thoughts on “Comayagua & The Dancing Bells

  1. Good post. I definitely appreciate this site.
    Thanks!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

ViaggieMiraggi

A world of travels, experiences and cultures

glieconauti.wordpress.com/

Salento responsible experience

Les globe blogueurs - blog voyage nature

Evasions nature, culture populaire et rencontres autour du monde sur notre blog de voyage

Une virée sud-americaine

D'un retour aux sources à la découverte

Cisco

The basics

Lavueltaalmundo.net

A world of travels, experiences and cultures

EnRupias

A world of travels, experiences and cultures

...::::::: Aprendiendo a Viajar :::::::...

A world of travels, experiences and cultures

Caren Ware's Blog

NOT JUST A JOURNAL BUT A JOURNEY. Click on About Me. --->

La Aventura de Pablo y Elena

A world of travels, experiences and cultures

Cómo preparar un gran viaje

A world of travels, experiences and cultures

%d bloggers like this: