Cuenca, la Atenas del Ecuador

13-16/12/2013

La cittá di Cuenca si trova ubicataa 2500 metri sul livello del mare in una meravigliosa valle attorniata dalle alte vette andine, conosciuta anticamente con il nome di Tomebamba e considerata la cuna della cittá incaica Huayna Cápac. Oggigiorno é una delle destinazioni piú comuni per il turismo d’avventura e gli sport estremi come canyoning, parapendio, scalata ecc … Perció, incuriositi dalla sua buona fama, da Ingapirca seguiamo il nostro viaggio per Cuenca (1-2 dollari per un paio d’ore in bus), “la cittá dei quattro fiumi” e il cui centro storico é inoltre stato dichiarato dall’ UNESCO Patrimonio Culturale dell’Umanitá.

??????????????????????????????? 2013-12-17 18.43.54 ??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Dopo aver girato e rigirato per ore in cerca di un alloggio a prezzo modico ed esserci resi subito conto che la cittá é sicuramente la meta ecuadoreña piú cara e turistica, troviamo un posticino niente male, l’ostello Turistas del Mundo, situato nella Calle Larga numero 579, per 7 dollari a persona la notte, con WiFi e cucina.

In Cuenca ritroviamo le nostre ormai storiche compagne di viaggio tedesche Sophia e Lara, con le quali poi continueremo a viaggiare fino in Perú.

Il giorno dopo, rifocillati da una prima tappa al panificio e una seconda al bar per un caffé caldo, ci dirigiamo pieni di energia verso il Parque Nacional Cajas, una riserva naturale di importanti dimensioni (circa 288 km2), ubicata a soli 35 km dalla cittá (raggiungibile in bus per un paio di dollari dalla stazione dei pullman direzione Guayaquil) e costituita da ben 235 lagune di origine glaciale collegate tra loro da stretti sentieri e freschi ruscelli. Il parco é formato principalmente da boschi pluviali sub-alpini, conosciuti con il nome di Páramo, e fornisce la cittá di Cuenca del 60% dell’acqua potabile. L’entrata é gratuita previa solo una registrazione presso l’ufficio dei ranger in cui a seconda del tempo a disposizione e delle condizioni fisiche si scelgono, tra i vari sentieri presenti nell’area che variano in lunghezza e difficoltá, quelli da portare a termine durante la giornata in modo che le guardie forestali sappiano dove cercare in caso di necessitá. Noi abbiamo solo 4 ore e per questo scegliamo di percorrere una parte della ruta numero 3, Valle de Quinuas, 2013-12-17 16.04.23 e la numero 2, Cumbre del Cerro San Luis, Entrada parque El Cajas in cui raggiungiamo il punto piú alto del parco a 4267 metri. Un trekking-hiking incredibile. Ci lasciamo guidare dai sentieri ben segnalati e ci perdiamo di tanto in tanto per uscire off-road e godere dell’immensitá della natura che ci circonda. Altamente consigliato! (To watch video click here)

2013-12-17 16.12.45 ??????????????????????????????? 2013-12-17 16.06.39 2013-12-17 15.28.14 2013-12-17 15.57.16 2013-12-17 13.05.28

Trascorriamo poi i seguenti due giorni girovagando per le vie del centro storico, visitando chiese, piazze, mercatini di artigianato nascosti qua e lá dove assistiamo a un’esposizione molto particolare di originalissimi presepi

??????????????????????????????? DSC00411 ???????????????????????????????  ??????????????????????????????? e apprendiamo i segreti celati nei semi di Tagua (anche noto avorio vegetale) DSC00495 e spaparanzandoci sui soffici prati lungo le sponde del fiume Tomebamba. Facciamo visita anche al Museo del Sombrero, simbolo di una effervescente cultura artigianale, mezzo di sostentamento per anni del popolo cuencano. Nella Calle Larga infatti si trova un’enorme casa degli inizi del ventesimo secolo in cui opera il centro culturale “Paseo del Barranco” e in cui si espone allo sguardo curioso del turista il laborioso processo di lavorazione della paglia Toquilla e della sua ultima trasformazione in cappello di ogni genere e colore.

Museo gorros Cuenca ??????????????????????????????? ??????????????????????????????? ??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Essendo una cittá tra montagne, Cuenca é ovviamente piena di terrazze e belvedere dai quali si puó apprezzare il disarmante paesaggio della cordillera de los Andes. Facciamo letteralmente un salto sul Mirador de Turi, perfettamente raggiungibile a piedi dal centro (4 km circa) con un piccolo sforzo a causa dei 438 gradoni che ti lasciano senza fiato ma che ti portano fino all’entrata della bianca chiesa di Turi, particolarmente suggestiva durante la notte, quando si puó godere dello spettacolo di una Cuenca addormentata peró sempre ben illuminata.

??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Tre giorni e quattro notti sono per noi sufficienti. Ci sentiamo abbastanza soddisfatti di ció che abbiamo visto e fatto. Siamo perció pronti ad andare avanti verso il nostro prossimo obiettivo accompagnati ancora una volta dalle nostre bionde preferite. É tempo di Loja.

Advertisements
Categories: Ecuador | Tags: , , , | Leave a comment

Post navigation

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

ViaggieMiraggi

A world of travels, experiences and cultures

glieconauti.wordpress.com/

Salento responsible experience

Les globe blogueurs - blog voyage nature

Evasions nature, culture populaire et rencontres autour du monde sur notre blog de voyage

Une virée sud-americaine

D'un retour aux sources à la découverte

Cisco

The basics

Lavueltaalmundo.net

A world of travels, experiences and cultures

EnRupias

A world of travels, experiences and cultures

...::::::: Aprendiendo a Viajar :::::::...

A world of travels, experiences and cultures

Caren Ware's Blog

NOT JUST A JOURNAL BUT A JOURNEY. Click on About Me. --->

La Aventura de Pablo y Elena

A world of travels, experiences and cultures

Cómo preparar un gran viaje

A world of travels, experiences and cultures

%d bloggers like this: