Belize

Bloggers reward ;-)

Just a short update on how this travelbog is growing are going…

With almost 25.000 hits the statistics recognized 133 different territories.  The dense populated big modern countries are easy to get on the world map.  But tiny islands lost in the middle of a vast ocean with maybe a population of a couple of hundred persons are harder to reach as well as some devastated countries in war  It’s very satisfying to see that also they find the way to our blog.

stats-map-jpeg

The top 10: Italy, Belgium, Spain, United States, Argentina, Germany, United Kingdom, France, Brazil, Colombia

Some others that caught my attention: Zimbabwe, Syria, Nigeria, Mozambique, Brunei, Palestinian Territories, Guam, Kazakhstan, Afghanistan, Benin, Mayotte, Tanzania, French Polynesia, Ghana, Nepal, Azerbaijan, Bhutan.

Thank you all, the Hermes’Journey goes on…

Advertisements
Categories: Argentina, Belize, Bolivia, Canada, Chile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, France, Guatemala, Honduras, México, Nicaragua, Panama, Peru, U.S.A. | Tags: , , , | Leave a comment

San Ignacio: all’ombra del Castillo di Xunantunich

17-19/08/2013

Dopo tanto mare é ora di vedere qualcos’altro, di spostarci piú verso l’interno. Siamo pronti per l’ultima tappa beliziana. Prima di salutare questa bellissima terra abbiamo infatti ancora un paio di appuntamenti in agenda. Per visitare le rovine e aggiungere cosí Belize alla nosta collezione di antiche civiltá maya, ci dirigiamo verso San Ignacio, un paesino al confine col Guatemala, situato nel distritto Cayo e patria del Chicle, un collante naturale ricavato dall’albero Manilkara Chicle e usato per la produzione del piú comune chewing gum.

san ignacio 2013-08-18 13.12.04

Sono quasi le otto del mattino e ci rendiamo conto che é giá troppo tardi per prendere un qualsiasi autobus . L’unico modo per lasciare Placencia sembra quindi attraversare la laguna in battello fino ad Independencia (il tragitto ci costa 10 dollari beliziani a persona, 4 euro circa) da dove poi prenderemo un autobus fino a Belmopan, la capitale, e da lí un altro per San Ignacio. Un bel giretto insomma! Afferriamo il traghetto al volo e davanti a noi si apre immediatamente  una distesa di acqua dolce azzurrissima illuminata dalle prime luci del giorno che ne rivelano l’incanto. Una traversata panoramica, il vento fresco che scompiglia i capelli e accarezza i visi gonfi ancora addormentati, palafitte colorate che salutano dalla riva. Arriviamo a terra, saltiamo sul bus anche questo beccato per un pelo e dopo un paio d’ore siamo nella capitale. Neanche il tempo di scendere dal mezzo che due ragazzi iniziano a gridare a squarciagola: “San Ignacio, San Ignacio, San Ignacio…” indicandoci il bus accanto appena arrivato. Ed eccoci quindi seduti sull’ ennesimo bus che per altri 10 dollari beliziani ci porta a destinazione.

A pochi metri dalla piazza centrale troviamo un alberghetto molto semplice, non particolarmente bello né accogliente ma con un simpatico proprietario appena tornato dal dentista con un forte mal di denti. Dopo il check in, si congeda frettolosamente da noi per continuare con la sua personale terapia contro il dolore. Lo osserviamo cosí accomodarsi sul divano, sprofondare nell’imbottitura e accendersi uno spinello, una canna per intenderci. Qui in Belize infatti la marijuana é assolutamete legale soprattutto se usata per fine terapeutici… Che tipo ;-)… Niente di che dicevo il posto, Central Hotel il nome, ma davvero centrale e quindi perfetto per il primo giorno in cui, stanchi del viaggio e delle poche ore di sonno, non si ha mai la voglia di sbattere su e giú con lo zaino sulle spalle e il sole cocente in testa. Il nostro dolorante amico ci informa comunque che a soli 15 minuti a piedi si trovano le prime rovine che vorremmo visitare , quelle di Cahal Pech. E cosí, dopo una salita abbastanza faticosa, arriviamo all’entrata e con 10 dollari beliziani a testa abbiamo accesso al museo e alla zona archeologica. Le rovine erano la dimora di una nobile famiglia maya. Oggi ospitano un piccolo museo dove si puó apprendere la storia del luogo e dove sono raccolti oggetti e stele rinvenuti durante i vari lavori di scavo.

2013-08-16 15.33.32 DSC04170

La riserva é piccolina, piú modesta rispetto ad altri ritrovamenti della riviera maya. Le ridotte dimensioni peró non impediscono di apprezzare la maestuositá di questa impressionante civiltá. Luogo solitario e silenzioso, il suo fascino risiede nel fatto che sia ancora un cantiere aperto. Si puó pertanto essere testimoni del lavoro dedizioso degli archeologi che tutt’oggi lavorano la sua terra e respirarne a fondo l’autenticitá. É incredibile quanta storia e cultura possa nascondere un luogo cosí circoscritto. Una visita interattiva la nostra, dato che si puó camminare tra le rovine in lungo e in largo, arrampicarsi per  le numerose scalinate di  templi e piazze ed entrare in molti degli edifici presenti. Consigliato al 100%.

2013-08-16 16.17.53 2013-08-16 15.43.09 2013-08-16 16.18.09 

Secondo giorno a San Ignacio. Cambiamo hotel. Abbiamo trovato un posticino niente male, anche questo in pieno centro. Si chiama Hi-Et Hotel, un’antica casa coloniale che nel ’78 si transformó in albergo grazie all’uomo che ancora la abita e che le ha dato il nome della madre (Hi Et appunto). Per 25 dollari beliziani (poco piú di 9 euro) ci offrono una stanzetta privata con balconcino annesso e bagno condiviso. Accogliente e molto sicuro dato che per accedervi bisogna praticamente attraversare il salotto del gentile proprietario.

2013-08-18 14.14.03

In tarda mattinata, prendiamo il bus pubblico per andare a visitare le rovine di Xunantunich, le ultime in Belize. Dopo un breve tragitto di circa 10 minuti, eccoci arrivati sulla riva del fiume Mopán. Dopo aver attraversato il fiume con un ponte di legno mobile funzionante con un sistema (piuttostorudimentale ma pratico) a corde che ti porta sull’altra sponda e una scarpinata di 1 chilometro e mezzo tutta in salita, raggiungiamo la meta.

DSC04122 DSC04195

Originalmente il sitio era adibito a centro cerimimoniale e il nome che in lingua maya significa “donna di pietra” deriva da un’antica leggenda diffusasi verso la fine dell’ottocento che racconta del fantasma di una donna che si crede abiti la zona, completamente vestita di bianco e con occhi rosso fuoco. La gente del luogo dichiara di averla vista apparire ai piedi dell’edificio principale, El Castillo, salire la scalinata centrale di pietra e scomparire dietro un muro anch’esso di pietra.

DSC04162 2013-08-17 15.14.17

La zona archeologica é costituita da 6 piazze circondate da oltre 26 palazzi e templi ma l’ attrazione piú spettacolare é dunque il Castillo, l’Axis Mundi del luogo, il punto di intersezione tra due linee cardinali. Un edificio imponente di circa 40 metri su cui si puó salire seguendo la ripida scalinata fino a raggiungere il punto piú alto da cui poter godere di una vista magnifica. Tutto Belize é ai tuoi piedi, da far venire le vertigini. Siamo fortunati, non c’è molta gente. Siamo solo noi e l’immensitá di questo posto con i suoi prati verdissimi e un passato ancora da scoprire… tutto da raccontare.

2013-08-17 14.51.24 2013-08-17 14.36.21

Percorrendo le scale e i corridoi che ci portano su in cima, non appena girato l’angolo per continuare la scalata sul lato posteriore del castello, i nostri occhi vengono catturati dalla maestuosa facciata decorata da bellissimi fregi ritraenti maschere, dei e re, riportati in vita da anni e anni di scavi archeologici. É la prima volta che ci troviamo di fronte a delle fasce decorative cosí ben definite, visibili, dettagliate, in cui vi si possono leggere i volti e le leggende del tempo. Impressionante! Non ci stanchiamo mai di visitare queste zone, veri e propri musei all’ aria aperta. Benché ce ne siano tante disseminate un pó ovunque lungo la Riviera Maya e benché si possa pensare che vista una si abbia giá visto tutto… ogni volta che mettiamo piede in una riserva nuova , ci accorgiamo immediatamente che questo pensiero non puó essere piú lontano dalla veritá. Ognuna delle rovine cheabbiamo vistofin’ora é differente dalle altre, la magia racchiusa tra le sue mura é differente. Credo che proprio in questo risieda tutta la forza e lo spirito dei Maya.

2013-08-17 15.08.49 2013-08-17 15.15.11 DSC04154

Ripercorrendo il cammino verso l’uscita, una famigliola di scimmie urlatrici ci saluta da lontano, contenta probabilmente di riavere tutto per sé il proprio tempio, profanato per tutta la giornata da piedi stranieri.

Terzo e ultimo giorno in Belize. Aggiorniamo il blog, passeggiamo per le strade della cittá e lungo il fiume. Ad un certo punto, seduti ai tavolini di un bar consumando una deliziosa colazione, veniamo interrotti da un boato improvviso e gente correndo e gritando. Inizialmente piuttosto turbati, pensando a una zuffa o a un qualche incidente,ci precipitiamo in strada per assicurarci dell’accaduto. Fortunatamente non é nulla di tutto ció. Sta solo avendo luogo la “Vuelta de San Ignacio”, un equivalente del Giro d’Italia peró a livello locale. Tutto il paese é in fibrillazione, stanno per gareggiare i migliori atleti del villaggio e squadre di fan si affannano per accaparrarsi i posti migliori a lato della strada e tifare per il loro beniamino. Una gara piuttosto dura… il cammino é pieno di buche e dossi, l’asfalto completamente dissestato. Non mancano cadute e scivoloni. Ma ció che ha veramente dell’incredibile é che, in prossimitá della zona in cui ci troviamo per assistere alla competizione, c’é un enorme palo della luce, piantato proprio al principio di una curva, e i ciclisti che scendono a tutta velocitá devono quasi sgommare per evitarlo… La cosa peró non sembra sorprenderli né spaventarli…ne sono cosí abituati che la prendono come un’ulteriore prova di abiltá prevista dalla corsa. Bert, appassionato di bici com’é, é entusiasta solo all’idea di assistervi e passa un’ora filmando e scattando foto da inviare a lanzarote ai suoi cari colleghi di Papagayo Bike 😉

2013-08-18 11.51.33 2013-08-18 12.09.29

A sera, una chiacchierata con gli altri ospiti dell’hotel e una cenetta squisita, diversa dal solito, in un ristorantino “gourmet” con vista sulla piazza centrale, ci sembrano l’addio perfetto a Belize.

2013-08-17 21.31.04 2013-08-17 21.36.55

Con l’entusiasmo di chi ha ancora tanto da scoprire e con la voglia di attraversare la frontiera guatemalteca, ci addormientiamo come agnellini sognando il giorno che verrá.

Categories: Belize | Tags: , , | 2 Comments

Placencia, un- Belize -able!!!

13-16/08/2013

Placencia

How about Placencia?  “I’ve heard about nice beaches, it’s just a small town.”, Giorgia said one evening in Tulum.  Not knowing she had a clear mind or was still talking nonsense from the fever she had, we looked a bit on internet to see what it is all about.  And we thought it might be worth a stop and visit.  We take a boat from Caye Caulker to Belize City (15 Bel$ each).  Here we look for snorkel material because we won’t pay two times 70US$ for a tube and a pair of glasses!  Belize City is a young city just out of kinder garden… in full puberty let’s say, as it was reconstructed again and again after various disastrous hurricanes in 1931, ’61 and the last in 2010 it was rebuild each time but strangely enough, did not improve and got darker and darker.  (So different from Europe, where new means stronger, advanced, more practical, more prepared for the next disaster, more technological… new means better in general) It functions like one big ghetto with a population of 68.000 habitants.  Basically mixed between Caribbean black progenies and Mayan descendants and some sporadic white men.  We find our stuff and make a long ‘just look in front of you’-walk through a never-ending street with people starring at us.  We can feel the looks penetrating us, people stop talking and speculate what we are doing there.  Houses with paint peeling of rise over us, windows with iron bars like prisons and barbed-wired rooftops make the scene of our urban hike.  A mountain of earth in the middle of the street, blocking the stream of traffic, gives the whole thing a picturesque warzone touch.  Luckily there is always some reggae playing somewhere, after all… as much it might look as Mogadishu, Somalia, it still sounds as Belize.  The bus station isn’t much better off, as holes in the walls indicate extractions of all copper cables by locals with economic needs.  There is no official service what so ever, no rates, no timetables.  The places for tickets sales are occupied by little stores selling food.  Helpful people are asking us all the time where we go to and informing us about times and places.

2013-08-12 14.05.40 2013-08-12 14.07.48 2013-08-12 14.08.08

First a bus to (surprise!!!) the capital Belmopan (14.800 habitants) and from there over Dangriga to Placencia (500 habitants), a 4 hour drive for just 40Bel$ each.  We wait several hours observing the hectic organization of a ‘right on time’ bus service.  We jump on the bus somebody indicates us, because there is no info on the bus indicating itineraries.  At the end of the day, at 20:30hours, the darkness already falling over our shoulders, we arrive at Placencia.  The receptions of the hotels/ hostels/ guesthouses are already closed from 20:00hours. (Unthinkable for Europe, knowing the last bus with tourists arrives at 20:30hours… you might gain some clients!) So we ask to somebody passing by.  He brings us after a five minute walk to a caribbean style ‘guesthouse’, not beautiful, hardly clean but with beds inside.  We say goodbye not without he trying to get some money out of us with their magical phrase: “show some appreciation,… I’m hungry.”

DSC03961 DSC03964 DSC03972

It is first in the morning; we can see Placencia and orientate us a bit.  We go to the bank to change some money but 30% commission to change euros is not over the top… it is outrageous!!!  For each 100€ we change we get only for 70€ Belizean $.  So we make a cash withdrawal which gives a normal rate with a normal percentage, pay the room and go looking for another place to spend the night.  The first we try has all the sea view rooms empty but want to charge us 60Bel$ each… not payable for us, so friendly shows us the way to a cheaper option.  (Unbelievable: not just the fact they don’t try to make a deal, maybe lower the price to fill up the hotel.  Offering us a room for 40Bel$ we would have stayed 3 nights, that makes 120Bel$ better than nothing having the rooms empty anyways.  But they happily showed us the way to spend our money with the competitors!  Again, working 7 years in hotels: unthinkable for Europe)  so we arrive at our new guesthouse at the beach, 1 min walk from the seaside and 1min walk from the supermarket (which by the way are all owned by Asians!) just the perfect base.  After checking some mails and updating our blog we go for a swim at the long but small beach with rough white sand.

DSC03975 2013-08-13 13.27.04 DSC03982  DSC03976 DSC03974

A tree trunk is laying in the water and with our new bought glasses we can see an aquarium in front of us, as around the tree are many small beautiful tinted fishes.  We find at the sea bottom countless fragments of death coral, collect them and place them near the trunk.  The fishes are happily accepting the upgrade of their home while we piece by piece give them a coral garden.  We have nice days passing by, walking along the sea or along the lagoon or at its best: where both come together.  A remarkable place, Placencia, it’s a long small bit of land away from the mainland.  We even find a small piece of reef where we can see some new species of tropical reef fishes, beautiful purple coral and a pair of elegantly jellyfishes.

DSC03978

Amazing are the huge barracudas just some meters away from the coastline.  Hanging still, camouflaged, mouth half open with teeth sticking out creatures, threatening every moving shiny fish in the area.  I enjoy myself observing them because as they move from sand parts to seaweeds, they change colours from white to green/brown camouflage.  So I chase them a bit so they move from one area to the other and change colours.  But of course they are too fast to chase so I lose them out of sight every time.  After a while I start to notice that I just had to look behind me and there he was… half a meter away staring at me.  Fun in the beginning but scary after a while.  I start to get the feeling that I was the one getting hunted and that with a 1,5 meter barracuda, is like playing with fire.  Later I realized I had the hostel key hanging at the string of my swim shorts… dangerous place to hang a shiny object in front of a barracuda!!!

DSC04025 DSC04036 DSC04021

As said: nice days pass by at this lost corner off the earth.  Where sun is fine and erratic ‘cool you off’ lukewarm raindrops even better.  Where English is written as it is spoken.  Where wearing a watch has no sense and asking time sounds ridiculous.  It is absolutely enchanting and unfortunately… unthinkable for Europe!

2013-08-15 15.34.06 2013-08-13 13.26.17 DSC04059

Categories: Belize | Tags: , , , | Leave a comment

Blog at WordPress.com.

ViaggieMiraggi

A world of travels, experiences and cultures

glieconauti.wordpress.com/

Salento responsible experience

Les globe blogueurs - blog voyage nature

Evasions nature, culture populaire et rencontres autour du monde sur notre blog de voyage

Une virée sud-americaine

D'un retour aux sources à la découverte

Cisco

The basics

Lavueltaalmundo.net

A world of travels, experiences and cultures

EnRupias

A world of travels, experiences and cultures

...::::::: Aprendiendo a Viajar :::::::...

A world of travels, experiences and cultures

Caren Ware's Blog

NOT JUST A JOURNAL BUT A JOURNEY. Click on About Me. --->

La Aventura de Pablo y Elena

A world of travels, experiences and cultures

Cómo preparar un gran viaje

A world of travels, experiences and cultures

%d bloggers like this: