Posts Tagged With: entertainment

La Paz, hidden metropolis in the Bolivian Andes

2014-01-26 14.46.18

17-22/01/2014

Some places in the world have a natural attractive; there is something to them that makes them irresistible.  Although at first sight it’s not a top ten location, not many cities in the world have as spectacular a setting as La Paz, which offers you a first glimpse as the bus crawls over the lip of the narrow canyon in which the city sits hunched.  It’s a sight that will leave your lungs gasping for oxygen they can’t have.  A city which lies between 3250 and 4100MASL, amid a hollow gouged into the ‘altiplano’, is a scene of stunning contrasts: a central cluster of church towers and office blocks minimized by the magnificent icebound peaks of Montaña Illimani rising superiorly to the southeast.  On either side, the steep valley slopes are covered by the ramshackle homes of the city’s poorer population, tight-fitting precariously to even the harshest gradients.  It’s an area we pass through the day we decide to improve our height record of 4800MASL.  After a long ever climbing trip, passing rivers that take ice water straight from the mountains to the capital and defy the verticality of the mud tracks, we get out of the van and start a walk through the eternal snow.  Heartbeat starts to rise, respiration gets faster and deeper but step by step we wade our way through the mist and just at the moment we are about to suffer a whiteout we reach our goal: Chacaltaya at 5300MASL! A defiance worthy your considerations.

??????????????????????????????? ??????????????????????????????? ??????????????????????????????? DSC03049  ???????????????????????????????

Less difficult but nevertheless beautiful is the at 10km from downtown, Valle de la Luna (moon valley) as a feature of half day walk out of the hectic metropolis and astonishing demographic site.  It comprises an area where erosion has worn away the majority of a mountain, composed primarily of clay rather than rock, leaving tall spires.  It is similar to another zone of La Paz that is known as El Valle de las Animas (The valley of the souls).  Because the mineral content of the mountains varies greatly between individual mountains the sides of the mountains are different colours, creating striking illusions.  A majority of them are a clear beige or light brown colour, but some are almost red, with sections of dark violet.

??????????????????????????????? ??????????????????????????????? 

??????????????????????????????? ???????????????????????????????

With a population of around 1,7million, La Paz as capital is the political and commercial hub of Bolivia.  Protected to some extent from the tides of globalization by its isolation and singular cultural make-up, La Paz feels better than it looks and is in some way surprisingly modern.  Hi-tech international banks and government offices rub shoulders with vibrant street markets , occupying each one of them several blocks, as the ‘Mercado de Brujas’ selling herbs, different remedies and  all manner of ritual paraphernalia, for pacifying the spirits and the mountain gods that still play a central role in the lives of the indigenous Aymara.

??????????????????????????????? ???????????????????????????????

??????????????????????????????? DSC02829

The Aymara, in fact, make up not only the majority of the city’s population, but also that of ‘El Alto’ , La Paz’s militant, red brick alter ego, which continues to outstrip it in terms of rural migrant-boosted population.  For them, working life in La Paz is conducted largely on the streets, and at times the whole place can feel like one massive, sprawling market.

2014-01-26 13.59.38 2014-01-26 13.59.49

Here everything can be found several times if you take the time.  And much more interesting even is the world’s unique Cholitas Wrestling where indigenous woman dressed in their folkloric outfit take their revenge on each other, other male wrestlers and even the arbitrator.  Different epic highly entertaining fights are served during the night and a healthy way to take pressure out of daily live as locals are shouting and empathize with one of the athletes.  We got extra lucky as surprisingly two Israelis, friends we met earlier on the journey in Guatemala, step into the ring and play along with one of the Cholitas.  We had the laugh of our lives!

DSC03166 DSC03171

DSC03146  ??????????????????????????????? 

??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Our recommendations:

–          There are lots of hostels in a city as La Paz: as we arrived we checked El Solar (55B)for one night, a nice hostal, situated in the center close to the Mercado de Bujas, low prized but with the hallway as common area and a lock on the door from 11 o’clock  there is a lot of noise and music playing going on till the early morning.  The second day we changed to Hospedaje Milenio (70B) which is just the right place to be.  An oasis in between the grey city jungle with great service, nice breakfast , very clean rooms and a tourist office for all kind of information.

–          Valle de la Luna just costs 15B a person and is a nice and easy escape from the bustling urb.

–          Cholitas wrestling is a must-do!  It’s cultural heritage in any way you look at it.  At ticket costs 50B, including: transport  from and to the centre, a drink, popcorn and a gadget as memory. Fighting only on Sundays.

–          Buying bus tickets is the best the same day at the bus station, go 2/3hours before and get a discount depending on your skills.

–          Transport to Chacaltaya has cost us 65B each as there is no other way to do it in one day with public transport.

Advertisements
Categories: Bolivia | Tags: , , , | Leave a comment

Quito, Where Two Hemispheres Meet

28/11-04/12/2013

Dopo Cotacachi e l’affascinante laguna di Cuicocha, é tempo di visitare un’amica e dare un’occhiata alla capitale ecuadoreña. Con il portafoglio piú leggero per gli acquisti fatti al mercato di Otavalo prendiamo un bus nel pomeriggio che in tre ore e per 2 dollari ci porta a Quito. Bert é ansioso di rivedere Cristina, un’amica di vecchia data conosciuta in un viaggio in barca sulle coste brasiliane. Arriviamo a casa sua e lei, dolce e ospitale, ci mette a disposizione la sua dimora per conoscere la cittá e passare del tempo insieme. É sabato sera e Cris é particolarmente impegnata. Femminista agguerrita e difenditrice appassionata dei diritti delle minoranze razziali e sessuali, ha organizzato un laboratorio per analizzare e approfondire il movimento delle Drag King mettendosi per una notte nei panni di un uomo e personificando stereotipi maschili piú diffusi. Mentre le ragazze si travestono, noi apprendiamo cosí un pó di piú su questo mondo ancora purtroppo nascosto e soggetto a ridicoli pregiudizi. Bert si immola per la causa per dimostrare che in fondo gli uomini non sono tutti uguali e regala la sua barba rossa incolta a Cris che ne fa buon uso ricavandone un pizzetto perfetto.

2013-11-30 23.25.54 2013-11-30 23.38.34

Passiamo cosí una serata molto interessante facendo visita a un bar in cui gli occhi indiscreti e stupefatti della gente intorno a noi sono motivo di riflessione e divertimento. Distrutti dalla giornata intensa appena trascorsa andiamo a dormire aspettando il giorno che verrá.

Un buon odore di caffé ci sveglia e Cris ci porta a spasso per la cittá. Passeggiamo per le strade del centro storico, assistiamo a uno spettacolo in piazza con danze e vestiti tradizionali e ci rechiamo in un museo a entrata gratuita dove ammiriamo una collezione piuttosto impressionante di oggetti e espressioni artistiche delle popolazioni indigene che hanno abitato e tutt’ora popolano le diverse regioni dell’ Ecuador.

??????????????????????????????? ??????????????????????????????? ?????????????????????????????????????????????????????????????? ??????????????????????????????? ??????????????????????????????? 

Mangiamo qualcosa al volo e degustiamo un ottimo caffé con leche ecuadoreño trascorrendo una piacevole giornata per le strade di Quito.

Il terzo giorno Cris ci fa conoscere i suoi, una coppia troppo simpatica che ci scorazza in giro per farci vedere la parte piú autentica della metropoli. Facciamo una sosta al mercato popolare dove si servono piatti tipici ed economici squisiti e in una cioccolateria locale per comprare del buon cioccolato da mandare a casa. Nel pomeriggio andiamo al Panecillo, il belvedere piú importante di Quito dal quale si gode di una vista eccezionale su tutta l’area e in cui é ubicata l’originalissima statua dedicata alla Vergine del Panecillo.

??????????????????????????????? ??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Il giorno dopo ci svegliamo di buon’ ora per andare alle terme di Papallacta e rilassarci un pó tra le calde soffici acque delle piscina ricche di minerali. Purtroppo peró… il mio piano idilliaco va in frantumi quando Bert decide di intraprendere uno dei nostri soliti hiking per cammini sconosciuti alla ricerca di una laguna sperduta. Addio terme!!! La prima parte del trekking é proprio bella, tra ruscelli e cascate e sentieri degni di Indiana Jones. Trascorse alcune ore peró, il cielo si rannuvola, un fitta nebbia cade nella valle e noi abbandoniamo la ricerca della laguna incamminandoci verso casa. La sorpresa piú incredibile peró ci aspetta sulla via del ritorno… le nuvole si diramano per pochi minuti e di fronte a noi, in un cerchio sgombro di nubi che si allarga a poco a poco, si rivela il meraviglioso spettacolo delle candide punte innevate delle Ande. Una vista mozzafiato.

2013-12-03 15.00.39 2013-12-03 15.23.49 ??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Quinto giorno qui a Quito. Andiamo a fare un giro per la cittá e finiamo sul viale delle Nazioni Unite dove ha luogo un’originale esposizione dal titolo “Piedaleando??????????????????????????????? ??????????????????????????????? che raccoglie opere riguardanti lo sport, il tempo libero, il piacere di andare in bici o a piedi per curare il corpo e la mente e diminuire il traffico e lo smog.

??????????????????????????????? 2013-12-04 10.20.17 2013-12-04 10.14.04 ???????????????????????????????

Un’ottima iniziativa. Ci sono perfino degli artisti disposti a ritoccare la tua bici a tuo piacimento. Da qui prendiamo un taxi per 3 euro per il teleferico, una funivia che per 8,5 dollari andata e ritorno ci porta nella parte piú alta della capitale e da cui iniziamo l’ascesa al Rucu Pichincha, una montagna che si erge a 4696 metri sopra il livello del mare. L’hiking é incredibile. Il migliore di sempre. Molto duro ma completamente soddisfacente una volta raggiunta la vetta. Lo scenario che si estende davanti agli occhi é di una bellezza disarmante… ad accoglierci al ritorno un velo bianco di grandine che ricopre il sentiero. Magico! (To watch video click here)

2013-12-04 16.18.02 ??????????????????????????????? ??????????????????????????????? 2013-12-04 16.42.07

Il sesto giorno é dedicato allo shopping nei mercatini di artigianto locale per riempire due scatoli da enviare alle nostre  famiglie con tutti i doni di Babbo Natale. La sera Cris ci propone di andare ad un concerto di salsa nell’ex aeropuerto di Quito. Dopo essere rimasti imbottigliati nel traffico per due ore riusciamo finalmente a raggiungere il luogo e a fare due salti. Al ritorno, un giro in centro ci introduce nella movida notturna quiteña.

DSC09938 DSC09951 ??????????????????????????????? ???????????????????????????????

La nostra settimana turistica non puó dirsi conclusa senza fare un salto alla famigerata Mitad del Mundo, ovvero il luogo in cui passa l’equatore che divide appunto virtualmente il mondo in due metá. ??????????????????????????????? ??????????????????????????????? Un posto molto turistico (entrata 3 dollari), con un obelisco al centro a rappresentare la latitudine O e un villaggio costruitogli intorno piuttosto artificiale con mille negozietti e venditori di Cuy (un tipo di roditore cucinato alla spiedo). ??????????????????????????????? Niente di entusiasmante peró non potevamo perdercelo. Al ritorno ci fermiamo in una piazzetta brulicante di gente giunta da ogni angolo della cittá per prendere parte al festival gastronomico dei prodotti tipici della regione. Assaggiamo delle deliziose patate e pannocchie accompagnate da una salsa al formaggio da leccarsi i baffi per poi terminare con frutta fresca ricoperta da una meravigliosa mousse anch’essa di frutta. Mmmmh!!!

DSC09913 DSC09917

Per concludere la serata in bellezza andiamo al cinema. A pochi isolati da casa della nostra amica c’é Ocho y Medio, un bar-centro culturale con ottimo cibo, ambiente accogliente, personale adorabile e proiezioni no-stop di film di cicuito indipendente.

??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Vediamo Europa Report, un film accattivante e ben diretto, rovinato solo, a mio parere, dal finale piuttosto puerile. In ogni caso… per noi non poteva esserci addio migliore.

7 giorni e 6 notti sono passati in compagnia di belle persone, buon cibo e memorabili scalate. Un  bel ricordo da portare con noi.

???????????????????????????????

É di nuovo sabato. Salutiamo Cris e, ringranziandola per la meravigliosa ospitalitá, lasciamo quest’altra capitale per dirigersi verso la nostra prossima meta, Baños de Agua Santa.

Categories: Ecuador | Tags: , , , | Leave a comment

Bogotá… Party and Culture

09-13/11/2013

Per 120.000 pesos troviamo un bus notturno direzione Bogotá. Salutiamo quindi ancora una volta il nostro amico Marcos che invece, conquistato dalla belleza di Medellín e delle sue fanciulle, decide di rimanervi ancora per un pó e rallentare la sua corsa. Separarsi lascia sempre un pó l’amaro in bocca ma ci si congeda con la consapevolezza e la speranza di rivedersi presto. Con i primi bagliori del giorno arriviamo cosí a Bogotá, una capitale dai forti contrasti, amata e odiata, temuta e ammirata. Girovaghiamo come di consueto in cerca di un alloggio e ci dirigiamo direttamente verso la Candelaria, centro storico della cittá e zona vivissima dal punto di vista culturale e artistico. I prezzi ovviamenti non sono particolarmente bassi e non vi é tanta differenza tra un ostello e l’atro. Passiamo la prima notte nel Musicology Hostel, il cui dormitorio, buio e umido, lascia un pó a desiderare, ma il cui prezzo (20.000 P a persona con colazione e CENA incluse) risulta invece molto convincente. Conosciamo qui due ragazzi molto simpatici provenienti, lui, da Israele e, lei, dagli U.S.A. che ci propongono un appetitoso programma per la serata. L’universitá di Bogotá organizza infatti un concerto gratis di musica reggae con dance hall a finire in uno spazio pubblico-culturale chiamato la “Media Torta”, cui ospite attesissimo é il gruppo colombiano Doctor Krapula. La serata é piuttosto fresca ma ce la spassiamo da matti. L’atmosfera é calda e la gente scatenata. (To watch video click here)

??????????????????????????????? DSC08110 ??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Il giorno dopo, domenica, decidiamo di cambiare ostello in quanto Musicology non prevede la cena durante i giorni festivi venendo meno per noi il fattore convenienza. Troviamo peró un altro posto in cui pernottare, questa volta molto piú luminoso e colorato. Si chiama Hostel Casa Violeta e ci colpisce immediatamente per lo stile raffinato e moderno dell’arredamento e la predominanza delle decise sfumature di viola sulle pareti e i mobili. Scopriamo cosí che si tratta di un “ostello-boutique” che spesso ospita esposizioni di opere pittoriche e scultoriche. Una scelta audace e singolare. Per lo stesso prezzo del precedente riusciamo cosí ad ottenere (trattandosi comunque di bassa stagione) due letti in un dormitorio e colazione, una cucina e buona connessione WIFI. Ci piace!

2013-11-11 09.31.16 2013-11-10 18.14.56

Andiamo a fare un giro per la cittá e rimaniamo sbalorditi nel percorrere la strada principale, la 7, brulicante di attivitá culturali, esposizione e vendita di artigianato,  spettacoli teatrali itineranti, artisti di strada, festival di cinema independente aperti al pubblico e chi piú ne ha piú ne metta.

??????????????????????????????? DSC08202 ??????????????????????????????? ??????????????????????????????? ??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Fermandoci ogni cinque minuti per scattare qualche foto o assistere a uno dei mille show improvvisati sui marciapiedi, arriviamo finalmente al Museo del Oro consigliatoci dalla gente del luogo.

Collection Museo oro 1 La domenica e, in generale, durante i festivi l’ingresso é gratuito quindi non vogliamo assolutamente farci scappare l’occasione di ammirare la collezione preispanica di metallo e ceramica piú grande del mondo con approssimativamente 34.000 pezzi (oro e rame) in metallo e 25.000 oggetti in ceramica rinvenuti tutti in territorio colombiano. Le aspettative non vengono deluse. Il museo é enorme, si snoda in piú piani ognuno dei quali espone diversi pezzi appartenenti alle svariate civiltá che si sono avvicendate nel corso dei secoli nel continente americano. Scivolano quasi tre ore mentre siamo immersi in questo pezzo di storia dell’umanitá di cui noi europei, dall’altra parte dell’emisfero, siamo soliti non conoscere tanto.

Collection Museo oro 2 ???????????????????????????????

Degno di nota se si passa per Bogotá é senza ombra di dubbio la “Catedral de Sal”, la prima, per importanza o per bellezza, delle sette meraviglie colombiane.

???????????????????????????????

La cattedrale apre tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:30 e sorge a pochi chilometri da Bogotá, nella ridente cittadina di Zipaquira, un villaggio racchiuso tra montagne con stradine colorate e una notevole piazza centrale le cui palme e il cui pavimento dalle mattonelle giallo sabbia sono state ideate per farle acquistare le sembianze di un deserto.

??????????????????????????????? ???????????????????????????????

La cattedrale é semplicemente maestuosa. Fu edificata nel 1990 all’interno di una mina di sale, a 180 metri sotto terra, per mano dell’architetto bogotano Roswell Garavito Pearl e l’ingegnere Jorge Enrique Castelblanco Reyes, entrambi bogotani. Ci passiamo due ore e mezza, perdendonci tra le gallerie che formano la Via Crucis, le due navate laterali in cui sono presenti sculture e perfino una cascata pietrificata di sale che sta a rappresentare la fonte battesimale, e la magnifica navata centrale con quello che si ritiene  il crocifisso sotterraneo piú alto del mondo da cui si scorge il suggestivo balcone del coro. Mai vista una cosa del genere! Il biglietto di entrata (tarifa básica) che costa 20.000 P a persona include inoltre il servizio di guida, un film-documentario in 3D della durata di 30 minuti in cui viene illustrato il processo di formazione della mina di sale e i metodi di sfruttamento del luogo che portarono alla costruzione della cattedrale, l’effetto ottico dell’ Espejo de Agua e infine uno “show de luces” in cui sul soffitto di una grotta viene proiettato un gioco di luci seguendo le allegre musiche di un famoso artista colombiano. Da non perdere!

???????????????????????????????  ??????????????????????????????? ??????????????????????????????? DSC08282 ??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Il soggiorno nella capitale si rivela perció pieno di sorprese. Il centro storico pullula di gente, di notte si tinge di caldi colori e accoglie musicisti improvvisati e non venuti da qualunque angolo del globo. Ci sentiamo al sicuro, senza mai nessun timore. In fondo e anora una volta… non ci sembra poi cosí pericolosa e violenta come molti la dipingono.

??????????????????????????????? ???????????????????????????????

Suggerimenti:

  • Il Museo del Oro é un’ottima forma per intrattenersi e risvegliare la propria curiositá verso nuovi temi e popoli. Come giá accennato l’entrata é gratuita durante i giorni festivi. Vi é addirittura la possibilitá di coincidere con orari o giorni in cui organizzano visite guidate anch’esse fruibili liberamente. Niente scuse perció, basta informarsi.
  • Per raggiungere Zipaquira e visitare la Catedral de Sal la forma piú economica anche se non tanto rapida é: prendere il Transmilenio direzione Portal Norte (es. B14, B1, B73, ecc) e da lí prendere un bus Intermunicipal direzione Zipaquira per un totale di un’ora e mezza circa (traffico permettendo).
  • Attenzione: la tariffa del Transmilenio varia a seconda della fascia oraria.

Ora di punta: $1.700. Lunedí-sabato dalle 5:30 alle 8:30 e dalle 16:30 alle 19:30

Tariffa normale: $ 1.400. Lunedí-sabato dalle 8:30 alle 16:29 e dalle 19:31 fino alla chiusura. Domeniche e festivi tutta la giornata.

Categories: Colombia | Tags: , , , | 3 Comments

Blog at WordPress.com.

ViaggieMiraggi

A world of travels, experiences and cultures

glieconauti.wordpress.com/

Salento responsible experience

Les globe blogueurs - blog voyage nature

Evasions nature, culture populaire et rencontres autour du monde sur notre blog de voyage

Une virée sud-americaine

D'un retour aux sources à la découverte

Cisco

The basics

Lavueltaalmundo.net

A world of travels, experiences and cultures

EnRupias

A world of travels, experiences and cultures

...::::::: Aprendiendo a Viajar :::::::...

A world of travels, experiences and cultures

Caren Ware's Blog

NOT JUST A JOURNAL BUT A JOURNEY. Click on About Me. --->

La Aventura de Pablo y Elena

A world of travels, experiences and cultures

Cómo preparar un gran viaje

A world of travels, experiences and cultures

%d bloggers like this: